Centro Studi Giorgio Morandi
Centro Studi Giorgio Morandi
Comitato Catalogo
Eventi e Attività
Biografia Giorgio Morandi

  2015-01-26
il Comunicato "Era Bologna..."
Clicca qui per scaricare il depliant informativo
Sede Confcommercio – Sala dei Carracci – Palazzo Segni Masetti Str. Maggiore, 23 – Bologna

  2015-01-26
Comunicato F. Francia, la Giornata Morandiana
Clicca qui per scaricare il depliant informativo
centro ASIA di Bologna

  2013-02-16
Verso oriente e ritorno. L'influsso dell'orientalismo sulla cultura italiana ed europea
Verso oriente e ritorno. L'influsso dell'orientalismo sulla cultura italiana ed europea
Tre conversazioni di Marilena Pasquali alla Sala dello Stabat Mater dell'Archiginnasio di Bologna, Piazza Galvani,1.

Mercoledì 20 febbraio 2013 alle 17,30: "Alla ricerca del vero.Gli artisti europei e il Vicino Oriente.
Mercoledì 27 febbraio alle 17,30: "Alla ricerca del Sogno.L'influenza della cultura mediorientale sul Simbolismo e sull'Art Nouveau"
Mercoledì 6 marzo alle 17,30: "Alla ricerca dell' Incontro. Il XX secolo e l'arte contemporanea di fronte all'Oriente"

Bologna Archiginnasio, Sala Stabat Mater


  2012-09-19
VERSO ORIENTE E RITORNO
Dal 23 giugno al 14 ottobre 2012 presso il Palazzo Podestarile di Montelupo Fiorentino,a cura di Marilena Pasquali un viaggio nell'orientalismo e nelle suggestioni che ha lasciato nella cultura occidentale. Oltre a dipinti, sculture, arredi e ceramiche di autori italiani del periodo 1850- 1920, in mostra opere di artisti contemporanei tra cui Luigi Ontani, Arcangelo, Mondino, Passarella, Bertozzi e Casoni.

Dal 23 giugno al 14 ottobre 2012 presso il Palazzo Podestarile di Montelupo Fiorentino,

  2011-11-06
Folon nel Giardino delle Rose

Il 30 settembre, a cura di Marilena Pasquali, si è inaugurato a Firenze il nuovo Giardino delle Rose
Folon torna a Firenze. A sei anni dalla sua grande mostra al Forte Belvedere, si realizza il desiderio in più occasioni espresso dall’artista belga, di lasciare alla città un nucleo significativo di sue sculture, per dar vita ad un luogo speciale, tutto suo, in cui possa proseguire e approfondirsi quel dialogo così intenso da lui instaurato con Firenze durante quell’estate del 2005.
Dopo la sua prematura scomparsa, nell’ottobre di quello stesso anno, la volontà di Folon è stata fatta propria dalla vedova, Paola Ghiringhelli, che ha deciso di donare al Comune di Firenze dieci sculture in bronzo e due gessi del marito affinché vengano permanentemente esposti nel bellissimo Giardino delle Rose, sotto piazzale Michelangelo, vero e proprio balcone sul centro storico, la cui vista ha poco da invidiare a quella mozzafiato di Forte Belvedere.
Grazie al sapiente intervento della Direzione Ambiente del Comune di Firenze, il Giardino è stato completamente ristrutturato in modo da accogliere al meglio le opere di Folon, ricreare quella magia che aveva saputo suscitare con la sua mostra di sei anni fa e riproporre quell’effetto-panorama, quell’affacciarsi sulla città espressamente cercato e ottenuto dall’artista.
Di nuovo, e questa volta senza limiti di tempo, si potrà così guardare attraverso la grande valigia, Partir, il panorama unico di Santa Maria del Fiore e Palazzo Vecchio; ci si riposerà accanto al “personnage” di Folon sulla panchina fuori dal tempo di Je me souviens; si accarezzerà Chat, il gattone addormentato sull’erba tra i cespugli di rose; ci si rinfrescherà alle fontane Vivre e Mediterranée o in un angolo ombroso vicino a 25ème Pensée, enigmatica figura foloniana con il capo perso tra la vegetazione; e infine, insieme a L’Envol, si potrà ancora una volta spiccare il volo sulla città e rimirarla dall’alto.
Il Giardino delle Rose – che, d’ora in avanti e grazie alla presenza di queste opere, resterà aperto al pubblico per tutto l’anno – inaugurerà la sua nuova veste venerdì 30 settembre, alle ore 17.30.
Promotore dell’iniziativa è il Comune di Firenze, con la collaborazione della Regione Toscana, presso la cui sede istituzionale, Palazzo Strozzi Sacrati, sarà collocato stabilmente il grande bronzo Walking. Partner principale è Eni, l’azienda che ha legato il suo nome alle memorabili campagne pubblicitarie sul metano realizzate negli anni ’90 da Folon e che ha reso possibile l’installazione permanente delle statue nel giardino.
Altri contributi vengono da Toscana Energia e dalle gallerie Guy Pieters di Knokke-le-Zoute e di Saint Paul-de-Vence. La cura dell’evento è affidata a Marilena Pasquali, presidente del Centro Studi Giorgio Morandi di Bologna e già curatrice della mostra del 2005 “FolonFirenze”.

dal 30 settembre 2011

Firenze Giardino delle Rose, viale A.Poggi, 2

  2011-11-06
Arcangelo - Ségou
Renata Boero - Cromogrammi

ARCANGELO presenta al Castello Aragonese le sue ultime opere, quelle dedicate a Ségou nel Mali, capitale dell'antico regno di Bambara
In concomitanza alla mostra del Castello, Arcangelo propone una seconda serie di dodici disegni del ciclo Ségou al Piccolo Albergo Umberto a Mare di Forio d'Ischia.
Sarà pubblicato un ampio catalogo con testo critico di Marilena Pasquali, catalogo che è frutto dell'incontro fra gli "Amici di Gabriele Mattera", Umberto a Mare e la Galérie Aniello Placido di Parigi.
RENATA BOERO porta al Castello Aragonese e suoi famosi Cromogrammi opere realizzate a partire dal 1970 ed a ragione considerate come l'intelaiatura portante, la "grammatica" della sua pittura.
In concomitanza ai Cromogrammi, esposti nella suggestiva Galleria "inCattedrale" del Castello Aragonese, Renata Boero presenta nella Galleria "in Vicoletto" di Cristina Mattera, a Ischia Ponte, le sue recenti Germinazioni tele e carte in cui il tema di fondo trova inedite modulazioni d'immagine nelle vibrazione di un unico colore: il rosa.
La mostra di Renata Boero è prodotta dall' Associazione "Amici di Gabriele Mattera in collaborazione con un gruppo di Gallerie facenti capo a "Cardelli&Fontana artecontemporanea" di Sarzana cui si deve anche la pubblicazione del ricco volume a cura di Marilena Pasquali.
dal 30 luglio al 25 settembre 2011

Ischia- Castello Aragonese

  2011-03-05
"Il volto dell'Io-L'autoritratto attraverso i secoli"
Conferenza di Marilena Pasquali
organizzata da Fondazione Alma Mater a sostegno della FA.NE.P.
Bologna, Villa Gandolfi Pallavicini
9 marzo 2011, ore 17,30

  2011-03-05
"Giorgio Morandi nel paese del cuore"
Conversazione tra Nicola Muschitiello e Marilena Pasquali
Casalecchio di Reno, Casa della conoscenza
10 marzo 2011, ore 18

  2011-03-05
Presentazione del volume. "Cesare Brandi Giuseppe Raimondi. Vol. 1 - Lettere 1934-1945"
A cura di Marilena Pasquali e Antonio Bazzocchi
Pistoia, Gli Ori
Bologna,Biblioteca dell'Archiginnasio 13 luglio 2011 ore 21

  2011-03-05
"Licini Morandi, divergenze parallele"
Mostra a cura di Marilena Pasquali e Daniela Simoni Divisa in sei sezioni (cinque, scandite temporalmente dagli esordi negli anni Dieci fino agli anni Cinquanta e Sessanta, a Fermo; una a Monte Vidon Corrado, paese natale e di elezione di Osvaldo Licini, dedicata al rapporto che lega l’arte di Licini e Morandi alla poesia di Dino Campana, per un verso, e di Giacomo Leopardi, per un altro), la mostra Licini Morandi. Divergenze parallele è il frutto non scontato e per certi aspetti sorprendente di una puntuale ricerca documentaria condotta per più di un anno in archivi e biblioteche di mezza Italia, da Milano a Venezia, da Bologna a Firenze, da Livorno a Roma, dalla Romagna alle Marche.
Un lavoro di scavo e di ritorno alle fonti che ha consentito di riconsiderare nella complessa articolazione di un rapporto non sempre facile, le figure dei due grandi artisti italiani del XX secolo, andando anche al di là del clichè storiografico già consolidato che vede per loro una fase comune di formazione e approdi espressivi e stilistici fortemente differenziati e perfino antitetici. I due artisti sono e restano diversi per carattere e scelte, ma i punti in comune fra loro si rivelano essenziali, dall’analoga – anche se diversamente vissuta – ansia di sperimentazione, alla condivisa, consapevole appartenenza alla sfera del moderno; dal rigore dell’approccio etico al fare arte, all’esclusività dell’impegno in pittura; dal dialogo fondante e mai interrotto con il dato di natura al bisogno di poesia.
L’indagine storico-documentaria e l’ipotesi critica condivise da Marilena Pasquali e Daniela Simoni hanno prodotto due risultati: una mostra inusuale e non facile in cui, di sezione in sezione, le rare, preziose, impenetrabili opere di Morandi (43 lavori – oli, disegni e incisioni – dal 1909 al 1963) vengono accostate a quelle visionarie e volatili di Licini (53 dipinti, tra il 1913 il 1958), in una sorta di ‘faccia a faccia’ ravvicinato in cui emergono diversità e sorprendenti analogie; un catalogo ricchissimo e zeppo di notizie e documenti spesso inediti o riconsiderati in una nuova luce, un vero e proprio volume di ben 304 pagine edito da Gli Ori di Pistoia, volume di studio che – oltre ai saggi introduttivi delle curatrici – ospita testimonianze critiche di Fabrizio D’Amico, Raffaele Milani, Mattia Patti e Osvaldo Rossi, e si conclude con un’ampia selezione di “pagine d’archivio”, valide a coprire un arco temporale che va dal 1913, il momento dei primi passi comuni, al 1964, anno della scomparsa di Morandi, sei anni dopo quella di Licini.
Si riprende così quel filo teso tra Licini e Morandi che in realtà non si era mai interrotto: grazie alle loro opere ed alle loro parole messe ‘in situazione’, i due protagonisti ritornano vivi, qui e ora; ed insieme a loro ritornano alla ribalta un ambiente artistico fatto di persone, una fitta rete di rapporti e di situazioni interdipendenti, un intero mondo di passioni culturali e civili.
Dal 25 giugno 2011
Fermo, Palazzo dei Priori e Monte Vidon Corrado, Centro Studi Osvaldo Licini

  2011-03-05
L'altra arte a Bologna, 1890-1990 ed oltre- tre incontri a cura di Marilena Pasquali
Mercoledì 9 febbraio 2011 ore 17,30
Da Marcello Dudovich ad Andrea Pazienza: "Il disegno tra invenzione e comunicazione"
Mercoledì 16 febbraio 2011 ore 17,30
Dall'Aemilia Ars a Dini Gavina: "La bellezza dell'oggetto"
Mercoledì 23 febbraio 2011 ore 17,30
Da Adolfo De Carolis a Luciano De Vita: "La grafica d'autore
Bologna, 9,16 e 23 febbraio 2011- Sala Stabat Mater

  2010-12-17
"TRE VOCI- Carlo L. Ragghianti, Cesare Gnudi, Giorgio Morandi
Il volume, a cura di Marilena Pasquali e Stefano Bulgarelli edito dalle edizioni Gli Ori di Pistoia pubblicato in occasione del doppio centenario della nascita di Carlo L. Ragghianti e Cesare Gnudi,è teso ad indagare il fondamentale rapporto che ha unito i tre protagonisti della cultura artistica italiana del XX secolo e ripropone saggi morandiani dei due storici dell’arte, testi non ripubblicati da tempo (è il caso di Ragghianti) o mai ristampati dopo la prima edizione come il Morandi di Gnudi, fortemente voluto nel 1946 da Carlo L. Ragghianti per le Edizioni U di Firenze. I saggi sono accompagnati, dopo le introduzioni critiche di Marilena Pasquali e Stefano Bulgarelli, da tre appendici storico-documentarie, ognuna dedicata allo scambio epistolare su e con Giorgio Morandi di Carlo L. Ragghianti, Cesare Gnudi e Giuseppe Raimondi, in un incrocio di voci, riflessioni e notizie che vale a ricreare un clima culturale ancora di piena attualità per la passione e la vitalità culturale che lo animano.
Insieme agli autori, interverranno alla presentazione Francesco Berti Arnoaldi Veli, Maria Teresa Filieri, Marinella Pigozzi, Eugenio Riccòmini.
Lunedì 20/12/2010, h. 17, sala Stabat Mater Archiginnasio Bologna

  2010-03-06
ARCANGELI E GLI ALTRI. La critica d'arte a Bologna nel XX secolo
Quattro incontri con Marilena Pasquali

Biblioteca comunale dell'Archiginnasio. Sala dello Stabat Mater. Piazza Galvani 1, Bologna

Quattro mercoledì di marzo 2010 dal 10 al 31 alle ore 17,30

mercoledì 10 marzo
Nino Bertocchi e l'arte a Bologna tra le due guerre: intuizioni del nuovo e difesa della tradizione (1920-1943)
mercoledì 17 marzo:
Francesco Arcangeli e l'ultimo Naturalismo: nuove sfide, nuovi artisti e nuove poetiche (1946-1964)
mercoledì 24 marzo 2010:
Franco Solmi e la Nuova Figurazione:dall'arte di denuncia agli esordi della Galleria d'Arte moderna (1965-1978)
mercoledì 31 marzo 2010:
Francesca Alinovi e la provocazione giovane: il dilatarsi degli orizzonti e l'arte degli anni Ottanta


  2009-10-29
Ardimenti e cautele --- Arte a Bologna 1945-1975.
Tre incontri con Marilena Pasquali


Bologna, Biblioteca dell'Archiginnasio, Sala dello Stabat mater, marzo 2009

  2009-10-28
Luciano De Vita. Incisioni 1952-1982
a cura di Marilena Pasquali

Mostra promossa dall'Archivio dell'Incisione Bolognese del Comune di Grizzana Morandi, dal Centro Studi Giorgio Morandi di Bologna con la collaborazione dell'A.L.I. Associazione Liberi Incisori.

Sono esposti più di 50 fogli dell'artista anconetano, fin dal dopoguerra divenuto a pieno titolo cittadino di Bologna: 30 acqueforti realizzate da De Vita nell'arco di trent'anni dal 52 all'82, e le due cartelle Nel mio giardino del 1970 e Le cose che volano dell'anno successivo a testimonianza di una vena creativa inesauribile, di una raffinatissima sapienza incisoria e di una predilezione per le tecniche calcografiche che fanno di De Vita uno dei più grandi incisori italiani del XX secolo.

Catalogo con scritti di Pietro Lenzini,Marilena Pasquali, Eugenio Riccomini.
Grizzana Morandi. Fienili del Campiaro. 1 agosto/20 settembre 2009

  2008-07-09
Lea Colliva (Bologna, 1904-1975) - Mostra antologica
A cura di Marilena Pasquali.

Catalogo con testi di Beatrice Buscaroli, Marilena Pasquali, Eugenio Riccòmini.
Monzuno (BO), Biblioteca Civica, 2-31 agosto 2008; Bologna, Sala delle Colonne, Emilbanca,15 settembre-15 ottobre 2008

  2008-07-09
Hubert Scheibl: "From Monday to Monday"
Mostra a cura di Marilena Pasquali e Alessandro Rosada.
Catalogo con testi di Marilena Pasquali, Christoph Ransmayr, Hubert Scheibl.
Dozza (BO), Rocca Sforzesca, 28 giugno-28 settembre 2008

  2007-11-01
Presentazione della monografia di Marilena Pasquali su Giorgio Morandi
Eugenio Riccòmini e Vittorio Rubio presentano, assieme all'autore, la monografia di Marilena Pasquali su Giorgio Morandi: "Giorgio Morandi. Saggi e ricerche 1990-2007" Firenze Noèdizioni". Uno specifico capitolo dell'opera contiene il carteggio in gran parte inedito tra Morandi e Francesco Arcangeli. Una nuova luce viene gettata, rispetto a quanto contenuto nella recente riedizione della monografia di Arcangeli curata da Luca Cesari, sulle cause che determinarono il deterioramento dei rapporti tra i due grandi bolognesi.
Bologna, Biblioteca dell'Archiginnasio, Sala dello Stabat Mater, martedì 6 novembre 2007, ore 17,30.

  2007-09-09
L'alibi dell'oggetto. Morandi e gli sviluppi della natura morta in Italia
Con questa esposizione, la Fondazione Ragghianti vuole proporre al pubblico una riflessione che, come spiega la curatrice Marilena Pasquali, è volta prima ad indagare e poi a ribadire la continuità, la vivacità e persino la necessità di un’arte che riconosce nell’oggetto l’occasione, il pretesto, l’alibi per mettersi alla prova, per dire se stessa e per riflettere il mondo. L’oggetto assume così il significato della parte per il tutto, del modello di riferimento, dell’emblema di una realtà in cui la forma o la sua negazione, l’esaltazione o il rifiuto del quotidiano, il ripiegamento su se stessi o l’apertura all’altro da sé, tutto si esprime nella rappresentazione dell’oggetto, vanitas di un tempo umano che non è possibile arrestare e che può trasformarsi in durata solamente nella sospensione dell’immagine. Morandi è un punto di riferimento irrinunciabile (e non solo in Italia) nel percorso di ‘riscoperta’ dell’oggetto che attraversa tutto il ventesimo secolo e che giunge al presente, ai giovani di oggi che, con linguaggi e tecniche diverse, trovano nell’oggetto un ‘modello’ comunque inedito e ricco di implicazioni espressive non ancora esplorate. Come ha scritto Carlo Ragghianti, Morandi ha fatto dei suoi «oggetti penetranti», dei suoi «oggetti ‘in costruzione’ nello spazio» una «struttura di visione», un’«architettura della visione», la base stessa della sua poetica e della sua poesia. E, con Ragghianti, tutti gli interpreti più attenti riconoscono a Morandi questa facoltà di trasfigurazione di un elementare frammento di realtà in forma pura, in bellezza assoluta, da Cesare Brandi – che intuisce l’«oscuro valore totemico» di questi oggetti-forma – a Giulio Carlo Argan, per il quale «Morandi costruisce a partire dall’oggetto come Mondrian dal soggetto».
E Morandi non è il solo a subire il fascino delle cose d’ogni giorno (come scrive Cesare Pavese, «sappiamo che il più sicuro – e il più rapido – modo di stupirci è di fissare imperterriti sempre lo stesso oggetto. Un bel momento questo oggetto ci sembrerà – miracoloso – di non averlo visto mai»). Insieme a lui, dopo di lui, molti e importanti sono gli artisti che sanno dare una propria, originale ed irripetibile interpretazione di quella che un tempo si era soliti chiamare ‘natura morta’ e che negli ultimi cinquanta-sessant’anni si è rivelata arte più viva che mai. Qui se ne propone una possibilità di lettura secondo sette declinazioni, sette percorsi che non intendono certo esaurire le potenzialità espressive dell’incontro fra artista e oggetto, quanto piuttosto invitare ad individuarne altre, a mettersi ancora una volta in gioco per rispecchiarsi senza timori nei frammenti di realtà che ci circondano.
Lucca, Fondazione Centro Studi sull'Arte Licia e Carlo Ludovico Ragghianti

16-11-2007 --> 20-01-2008



  2007-09-09
Pietro Lenzini. Incisioni 1980-2007
A cura di Marilena Pasquali. Personale dell'artista romagnolo nell'ambito delle attività dell' Archivio dell'Incisione Bolognese
Grizzana Morandi, 4 agosto-15 ottobre 2007. Fienili del Campiaro

  2007-09-09
PRESENTAZIONE DELLA MONOGRAFIA DI MARILENA PASQUALI SU GIORGIO MORANDI
Si tratta della prima presentazione pubblica del volume di Marilena Pasquali su Giorgio Morandi. Uno specifico capitolo dell'opera contiene il carteggio in gran parte inedito tra Morandi e Francesco Arcangeli. Una nuova luce viene gettata, rispetto a quanto contenuto nella recente riedizione della monografia di Arcangeli curata da Luca Cesari, sulle cause che determinarono il deterioramento dei rapporti tra i due grandi bolognesi.
Grizzana Morandi, 6 ottobre 2007, ore 17,30. Centro di documentazione Giorgio Morandi,Fienili del Campiaro.

  2007-09-06
Nuova Biennale del Muro Dipinto. XXI Edizione
La XXI Biennale è la terza curata da Marilena Pasquali che ha in questi anni rinnovato la formula della manifetsazione, salvaguardandone i caratteri distintivi e insieme aprendola alle modalità espressive degi artisti di oggi. Nel borgo antico saranno presenti 21 artisti italiani e stranieri, mentre un gruppo di affermati writers dipingerà alcuni muri del borgo nuovo di Toscanella
Dozza (BO). Rocca Sforzesca, Borgo Antico e Toscanella. 15 settembre-4 novembre 2007

  2007-08-01
Oltre l'oggetto. Morandi e la natura morta oggi in Italia.
A cura di Marilena Pasquali. 30 opere di Giorgio Morandi, 15 dipinti e 15 acqueforti, rappresentano il cuore della rassegna, che comprende complessivamente 107 opere di 50 artisti italiani dal dopoguerra ad oggi per indagare la vitalità della natura morta oggi in Italia.


Francavilla al Mare Museo Michetti, 29 giugno-30 settembre 2007

  2007-08-01
Zoran Music. L'opera su carta
A cura di Marilena Pasquali.
Dozza (BO). Rocca Sforzesca, 23 giugno-26 agosto 2007

  2006-11-19
FOLON FIRENZE
A cura di Marilena Pasquali
Firenze, Forte di Belvedere e Palazzo Vecchio: maggio-ottobre 2005

  2006-07-14
Giorgio Morandi. I Fiori
a cura di Marilena Pasquali
Nuoro, MAN, 18 maggio - 1 luglio 2001

  2006-07-14
Morandi e la luce
a cura di Marilena Pasquali.
Pietrasanta, Chiostro di Sant’Agostino, 14 luglio – 9 settembre 2001

  2006-07-14
Fiori d’Autore
a cura di Marilena Pasquali
Palermo, Palazzo Ziino,31 ottobre 2001 – 6 gennaio 2002.

  2006-07-14
Morandi e il paesaggio
conferenza con Eugenio Riccòmini nell’ambito degli incontri “Le Serate del Rospo” organizzate dall’Assessorato all’Ambiente della Provincia di Bologna,
Bologna, Oratorio dei Filippini, 18 dicembre 2001.

  2006-07-14
Morandi e la natura morta
conferenza tenuta a conclusione della personale di Giorgio Morandi cirata da Luigi Cavadini
, Cernobbio, 8 gennaio 2002

  2006-07-14
Giorgio Morandi. 43 dipinti tra il 1922 e il 1964
a cura di Marilena Pasquali
Palermo, Palazzo Sclàfani, 3 maggio – 16 giugno 2002

  2006-07-14
I vostri occhi forti di luce». L’incontro tra Giorgio Morandi e Dino Campana, in I portici della poesia. Dino Campana a Bologna (10912 - 1914)
a cura di Marco Antonio Bazzocchi e Gabriel Cacho Millet
Bologna, Patron, 2002.

  2006-07-14
Gli incontri del giovane Morandi (1910 - 1914)
Marilena Pasquali, in “Hortus Musicus”, n. 11.
Bologna, luglio – settembre 2002

  2006-07-14
Passioni d’arte. Da Picasso a Warhol. Capolavori del collezionismo in Ticino
a cura di Rudy Chiappini, (scheda critica sull’opera di Giorgio Morandi a cura di Marilena Pasquali).
Lugano, Museo d’Arte Moderna22 settembre- 8 dicembre 2002

  2006-07-14
Morandi e il collezionismo
Marilena Pasquali, conferenza nell’ambito della mostra Estorick Collection of Modern Italian Art.
Genova, Palazzo Ducale, 22 ottobre 2002

  2006-07-14
La cultura dipinta a Bologna. Dai miniatori a Morandi
Marilena Pasquali, conferenza presso la Biblioteca di Villa Spada.
Bologna, 27 novembre 2002

  2006-07-14
De Chirico e Morandi: la diversità del protagonismo
Marilena Pasquali,in catalogo della mostra Giorgio De Chirico. Miti, enigmi, inquietudini, a cura di Maurizio Calvesi
Palermo, Palazzo Ziino, 25 ottobre 2002 – 6 gennaio 2003.

  2006-07-14
Giorgio Morandi e l’arte del XX secolo
Marilena Pasquali, corso monografico in otto lezioni
Rimini, Libera Accademia di Belle Arti, gennaio-febbraio 2003

  2006-05-24
Morandi, il suo ambiente, il suo paesaggio
Marilena Pasquali, Noèdizioni, 2004.
Firenze, 2004

  2006-05-24
Le Giornate Morandiane
a cura di Marilena Pasquali.
Grizzana Morandi, Fienili del Campiaro, 15, 16 e 17 ottobre 2004

  2006-05-24
I Musei Vaticani e l’arte contemporanea. Da Medardo Rosso a Giacometti, da Boccioni a Ensor
a cura di Micol Forti.
Mestre, Centro Culturale Candiani, 21 febbraio – 2 maggio 2004

  2006-05-24
I Musei Vaticani e l’arte contemporanea. Acquisizioni dal 1980 al 2003
a cura di Micol Forti,
(schede critiche sui dipinti di Giorgio Morandi a cura di Marilena Pasquali).
Città del Vaticano, Musei Vaticani, Sala Polifunzionale, 23 maggio-27 luglio 2003

  2006-05-24
Morandi nelle raccolte romane
Studio Campaiola, a cura di Marilena Pasquali.
Roma, marzo-maggio 2003

  2004-02-01
Wuppertal
Von der Heydt-Museum, Giorgio Morandi. Natura morta 1914-1964. a cura di Tomas.
Sharman, 11 gennaio - 7 marzo 2004

Contattaci